Libro dei racconti

In questa sezione puoi leggere le nostre ultime 4 avventure (quest) in forma di racconto. Il Libro dei racconti è scritto dai master che hanno organizzato la quest.
L'intento è quello di permettere a chiunque si connetta di avere un riassunto della situazione di bordo, senza dover leggere tutti i rapporti che molto spesso contengono i dati ma non i punti salienti della quest.
Ovviamente all'interno del gioco, nella sezione on, si potranno leggere anche i rapporti per avere maggiori dettagli.

3.8 - DALLE PIAZZE E DALLE VIE

27-10-2017

Riferimenti
Master:
McDuff

Rapporti:
[3.08] - MISSIONE DI SOCCORSO NEL SISTEMA MIZER


28-10-2017

In data 06.06.2265 il personale della USS Genesis é stato convocato in Sala Tattica per ricevere istruzioni sulla nuova missione assegnata. Lì, compare in collegamento audio-video, l´ormai noto Ammiraglio Wrreth che espone la situazione e di conseguenza la nuova missione che l´equipaggio, reduce dalla fuga da Asceanatis dovrà intraprendere.

Risulta che a qualche giorno di distanza dalla stazione K7 a cui la USS Genesis risulta attraccata, é presente un sistema a tre pianeti, oggetto di  studio antropologico da parte della navetta USS Musk, il cui equipaggio é composto da tenente comandante Phren - storico a capo della missione - il tenente Svetlana Karenina - ingegnere - Guardiamarina Cleopatra Freeman - antropologa, di cui da una settimana sono persi i contatti.

Quanto viene riportato circa il medesimo studio antropologico a cui l´equipaggio scomparso era dedito, riferisce di una comparazione tra due pianeti di classe emme in quel sistema recanti entrambi vita: uno la cui fauna è composta principalmente da rettili di grandi dimensioni e insetti, simile al periodo giurassico terrestre, l´altro che ospita una
civiltà pre-curvatura. Tal sistema presenta, inoltre, molte interferenze naturali, causanti la sottostima della situazione della USS Musk.

L´Ammiraglio Wrreth specifica, quindi, che il compito della USS Genesis é quello di scoprire cos´è successo alla  USS Musk ed al suo equipaggio, salvarlo in caso di necessità e limitare danni e interferenze con  a civiltà pre-curvatura secondo direttive.

Nessun augurio da parte dell´Ammiraglio, che stavolta la situazione si riveli più semplice del previsto?


28-10-2017

La partenza da K7 di routine, il viaggio a curvatura, da il tempo all´equipaggio della USS Genesis di prepararsi alla missione imminente, con una particolare frenesia nel reparto Scientifico. Tante sono le ipotesi della scomparsa dell´equipaggio della Uss Musk ma zero le certezze.

L´11.06.2265 quando la Genesis esce da curvatura, si trova davanti a se un sistema ternario, due pianeti di Classe M ed uno di Classe J. (Mizer I, Mizer II, Mizer III) Uno spettacolo affascinante che apre l´ingresso dell´equipaggio a questa nuova missione.

Subito vengono lanciate le scansioni per la ricerca della nave scientifica e eventuali boe o messaggi di soccorso. Nessun segnale vienetrovato ne tracce di curvatura, ma vengono individuate tracce lasciate da motori a impulso della Flotta, dal decadimento databili di almeno 2 settimane o più, tutte risalenti alla medesima fonte presumibilmente della navetta dispersa.

L´equipaggio procede alacremente alla ricerca e scopre, isolando la traccia più recente, che la navetta abbia girato intorno ai pianeti di classe M.
Ogni altra scansione alla ricerca dell´equipaggio disperso risulta inconcludente, dovuto anche dalla presenza di rocce sul Pianeta denominato Mizer II di rocce che impediscono una chiara rilevazione dei sensori.
Brancolano nel buio, finché dalla consolle tattica rilevano che su Mizer II, a qualche chilometro da un centro abitato di grandi dimensioni in una pianura disabitata, vi sono delle  tracce di impatto e di metalli lavorati o sintetici I disturbi dovuti dalle rocce continuano, ma riescono a decifrare che dalle rilevazioni effettuate qualcosa indicava che un
oggetto di dimenioni paragonabili alla navetta USS Musk fosse precipitato al suolo dopo una planata, vista la scia sulla superficie planetaria.

La Genesis decide, il suo equipaggio si prepara, si avvicina a Mizer II e si posiziona in un´orbita medio-alta
retrograda sull´emisfero meridionale in maniera da non essere individuata dalla superficie.


Saranno sul pianeta giusto? e se fosse solo una trappola?


28-10-2017

E´ inevitabile, la prima direttiva è lì che troneggia sull´equipaggio che prima di scendere sul Pianeta Mizer II studia l´aspetto degli autoctoni il loro grado di evoluzione e tanti altri aspetti che potrebbero minare la loro copertura ed esporli ad una contaminazione della civiltà pre-curvatura.

E se questo fosse già successo?

L´equipaggio della Uss Musk infatti è stato soccorso dagli autoctoni di Mizer II che hanno anche prelevato i resti della navetta venendo indirettamente contaminati, portando così la Flotta ad una violazione della Prima Direttiva.
Alla luce di questa scoperta, l´equipaggio della USS Genesis si fa carico della decisione di, secondo Prima Direttiva, agire per porre rimedio a tale contaminazione.

Ma tutto non è così semplice...

Una tempesta magnetica impedisce le scansioni per rilevare informazioni ulteriori sul territorio e dell´equipaggio della USS Musk ancora non v´è traccia.
Ed è così, che vagliando diverse possibilità d´azione, due dell´Equipaggio: Dijkstra e Fleming, scendono sul pianeta in cerca di informazioni di prima mano. Riuscendo a reperire qualcosa circa l´equipaggio della Musk portato al palazzo imperiale, probabilmente nelle segrete. Ma tutto ha un rapido e violento risvolto, in quella taverna le cose si mettono male e la propietaria, non convinta dai due ufficiali della flotta sotto mentite spoglie spara al Tenente Jg Fleming con una pistola a pietra focaia ferendolo al fianco. L´invito della locandiera è quello di " tornare quando saranno più collaborativi per trattare di cose serie". Il rientro d´urgenza a bordo è d´obbligo. La situazione inquieta.

Sopravvivrà..?

L´operazione eseguita dal Guardiamarina Zontrax ha esito positivo, il collega Fleming è fuori pericolo, ma l´Equipaggio brancola nel buio. Analisi sotto copertura, sopralluoghi, ricerche di informazioni proseguono per giorni. Le scansioni al castello dove si ipotizza venga tenut l´equipaggio della Uss Musk sono impossibili, la pietra di cui è costituito è impenetrabile e non risulta facile per quelli della Genesis capire come agire.
Il ritorno alla taverna è d´obbligo, là sembra risiedere l´unica in grado a dar loro informazioni necessarie.

...ed ora?

nessuno se lo aspettava, ma l´impero ha usato le armi phaser ed i cannoni recuperati dalla Uss Musk contro alle sommosse rivoluzionarie, anientando ogni tentativo di rivolta.
Madame Vanjan chiede armi di pari livello o la distruzione di quelle in possesso dell´impero a tale proposito vengono fornite diverse informazioni utili circa il castello, i turni delle guardie etc.
Una collaborazione al fine di ristabilire un equilibrio, prima che l´incidente della Uss Musk rischi di cambiare drasticamente le sorti della civiltà Mizeriana.

l´inaspettato.


Data la situazione delicata, numerose sono state le idee messe a punto al fine di penetrare nel castello è così liberare l´equipaggio della Musk, dall´infiltrarsi, far parte della resistenza ed attaccare, al concedere armi di pari misura alla resistenza, al creare granate stordenti il cui gas debitamente studiato funzionasse a mettere fuori gioco temporaneamente i soli Mizeriani, arrivando infine alla progettazione e realizzazione della modifica ad uno dei siluri, che lanciato su Mizer II è esploso, creando un impatto differente da quello distruttivo ma rivelandosi solo come impulso elettro magnetico in grado di anientare non solo qualsiasi forma energetica del pianeta, ma anche  la potenza delle armi della Flotta in possesso all´impero. Nessun ferito tra i Mizeriani, solo una situazione di stallo.

la rivoluzione!

Dopo il siluro sparato nella ionosfera dalla Genesis, le armi sottratte dalla navetta USS E. Musk sono state "fritte". I rivoluzionari hanno preso coraggio e per tutto il weekend hanno tentato sortite contro il palazzo imperiale riuscendo a prendere possesso di diverse posizioni strategiche attorno al castello, costringendo le guardie imperiali a ritirarsi dietro alle mura.Nella serata di ieri sono riusciti a prendere la prima porta che da sul ponte, costringendo le giubbe verdi a ritirarsi . Molte le perdite, in una rivoluzione in piena regola senza interferenze da parte della Flotta Stellare, dall´inizio degli scontri sono stimate attorno alle 300 persone, la maggior parte dei quali soldati.

la diplomazia..

più che altro si tratta di contrattazioni, con i rivoluzionari finalmente a parità di armi con l´impero Madame Vanjan accorda un incontro con l´equipaggio della Genesis; è consapevole che il loro intervento atto a neutralizzare le armi a particelle è stato significante al fine di permettere loro di agire, a tal proposito si mostra riconoscente e permetterà ad un piccolo drappello di federali di penetrare nel castello, a seguito della resa della guarnigione, per liberare l´equipaggio della Musk senza però intervenire in quanto da loro deciso circa le sorti decretate per gli imperiali.[/color]
Gli attacchi continuano, l´impero crolla sotto la voglia di riscatto da parte della ribellione e cede.
L´equipaggio della Genesis incontra quindi la Vanjian: i patti sono stati chiari e quello che i Flottiani si trovano davanti sono due carri, debitamente coperti. I tre dispersi della Musk sono lì, vivi e pure le armi sottratte dalla navetta federale. Il rientro a bordo è rapido, i tre ufficiali vengono soccorsi ed analizzati dall´equipe medica che con grande sollievo decreta il loro buono stato di salute. La Genesis può finalmente ripartire, la missione è conclusa con esito positivo!

Cosa spetterà ora a questo intrepido equipaggio...? (END)