Guida alle razze

Di seguito puoi leggere un breve guida sulle razze selezionabili. di Star Trek Genesis  All'interno del gioco troverai una guida più dettagliata.

Caitiani

Caitiani


I caitiani sono nativi del pianeta Cait. Sono dei felinoidi caratterizzati da una lunga coda e spesso da una folta criniera. Hanno un ottimo udito e una buona visione notturna, ma la morfologia del volto impedisce loro di parlare fluentemente lo standard.


...armoniosi, dalle movenze feline, amanti della pace e dell'equilibrio, non tollerano gli atti violenti non necessari...

Tellariti

Tellariti


I Tellariti sono una robusta specie umanoide che si distingue per i caratteristici tratti facciali che ricordano il muso di un suino. Sono originari del pianeta Tellar Primo, situato non distante dal sistema solare terrestre, e sono una delle razze fondatrici della Federazione Unita dei Pianeti. I Tellariti sono noti per essere un popolo impaziente, sospettoso e impulsivo. Apprezzano le discussioni che sono considerate alla stregua di uno sport. I Tellariti spesso entrano in relazione con il prossimo tramite una serie di lamentele, che è il modo in cui essi iniziano una discussione con chi hanno appena conosciuto. Grazie alla loro abilità oratoria, i Tellariti possono diventare eccellenti politici, ma hanno sviluppato anche un notevole amore per la tecnologia in tutte le sue forme; sono ottimi ingegneri e tecnici molto rinomati in vari settori.


...perché aspettare se lo si può fare ora? Perché stare zitti quando si può discutere?

Umani

Umani


Specie originaria del pianeta Terra, gli umani sono una delle razze fondatrici e attualmente più importanti della Federazione. Orgogliosi che la Terra sia la sede del governo della Federazione nonché sede del Comando della Flotta Stellare, gli umani costituiscono la spina dorsale di molti equipaggi di navi stellari.


...gli Umani riescono ad adattarsi ai contesti più svariati, nella galassia possiamo trovarli praticamente ovunque...

Deltani

Guida in parte tratta dal vecchio CDB di Genesis e adattata alla nuova ambientazione.

DELTANI



GENERALITA’
I deltani sono una specie umanoide molto avanzata e pacifista, nota per le espressioni artistiche e architettoniche. Essi sono originari di Delta IV, un pianeta bellissimo ma inospitale a causa di animali feroci o velenosi e anche a causa dei frequenti disastri naturali che contribuiscono ad elevare il tasso di mortalità, nonostante la speranza di vita di un deltano possa arrivare anche ad un paio di secoli.

I deltani sono caratterizzati da un notevole sviluppo sessuale, al punto che i loro rapporti su questo piano con le altre razze devono essere strettamente controllati: essi sono infatti in grado, come le femmine orioniane, di produrre grandi quantità di ormoni per generare stimoli sessuali nei partner, la qual cosa potrebbe disturbare i non-deltani che li circondano. Per quanto riguarda il loro aspetto fisico, sebbene i deltani siano completamente calvi, sono considerati molto attraenti e sensuali dalle altre razze umanoidi, per i loro lineamenti. Questa caratteristica sembra dovuta a un’antica (e barbara) selezione genetica durante le catastrofi naturali, atta a salvare soltanto i membri della razza più vicini ai canoni di perfezione ricercati. Fortunatamente questa usanza è stata abbandonata da secoli ma ne resta ancora un retaggio nell’aspetto fisico riscontrabile in ogni deltano di oggi.

Dal punto di vista sociale i deltani tengono molto alle proprie famiglie e amano estremamente la compagnia di altri membri della loro razza, tanto che sono in grado di sviluppare una sorta di legame empatico tra di loro. La loro viva intelligenza e la loro prestanza fisica li rendono adatti a praticamente qualsiasi ruolo a bordo di una nave stellare, dall´ingegneria alla sicurezza, sebbene siano contrari alla violenza fine a sé stessa. Sono capaci di alleviare il dolore con il tocco della mano, questo perché dal punto di vista comunicativo sono in grado di utilizzare le loro capacità telepatiche (insite nel cervelletto) e di stimolare chimicamente le altre razze in modo da sopprimere il dolore, sostituendolo con sensazioni piacevoli. Questa abilità non è, tuttavia, in grado di curare una ferita fisica.

I deltani utilizzano un solo nome, distinguendo due persone dal contesto, se necessario.
Nomi maschili: Dro, GemKon, Kili, Lona, Muren, Niro, Raen, Rro.
Nomi femminili: Alia, Elen, Eren, Ilia, Inaia, Ogron, Oona, Umia.

Prediligono lavori come quello di consigliere, medico o pilota. Ciò nonostante, i deltani sono anche ottimi diplomatici e scienziati, in particolare linguisti, biologi o planetologhi.

La religione deltana è fortemente legata alla meditazione sessuale, empatica o curativa.


IL RAPPORTO SESSUALE
Ciò che rende particolarmente inusuale il rapporto sessuale deltano è il fatto che esso sia basato su un insieme di stimoli fisici, chimici e telepatici al quale la maggior parte delle altre specie non è abituato. Questa sovrastimolazione può causare gravi danni soprattutto cerebrali e può portare anche al coma e alla morte. Difficilmente, quindi, un membro di un´altra razza sopravvivrebbe ad un rapporto sessuale con un deltano. Per questo motivo solitamente i deltani non prestano servizio su navi ad equipaggio misto, ma se lo fanno devono accettare una sorta di voto di castità, con il quale si impegnano a non approfittare di razze "sessualmente immature". Questo voto di castità è una grande rinuncia per un deltano, in quanto, culturalmente, il rapporto sessuale viene considerato una componente fondamentale delle relazioni interpersonali, non esclusivamente a scopo amoroso. Per quanto riguarda le altre caratteristiche anatomiche e biologiche, i deltani si inseriscono perfettamente nel quadro umanoide.

NOTA: Questa guida, fino a questo punto, è anche una dispensa medica ON GAME.

PIANETA
I visitatori che provengono dalla Terra generalmente descrivono il pianeta Delta IV come "Mediterraneo". Ventilato e con temperature moderate durante la maggior parte dell’anno, Delta IV da l´impressione di avere quasi del tutto un clima mite, in particolare sulle coste (prevalentemente rocciose), dove si trovano tutte le città principali. Centinaia di altissimi e, fortunatamente, dormienti vulcani fanno da sfondo drammatico e impressionante. L’aria è pregna di odori speziati, di quelli taglienti e aspri tipici dei muschi di mare. Il più grande pericolo su Delta IV è la natura indomita: potenti monsoni e uragani a volte minacciano anche le città più moderne come Antos e Tosem, e il serpente a nastro deltano e il gatto giallo degli alberi di questo pianeta sono ancora responsabili di dozzine di morti ogni anno. Pericolosamente mortale ma bellissimo, Delta IV è uno dei più splendidi pianeti della Federazione.


STORIA
I deltani sono uno dei pochi popoli membri della Federazione che non contano guerre all’interno della loro storia. Prima di diventare unarazza che viaggiava nello spazio, all’inizio dell’ottocento, la storia dei deltani è stata un circolo languente di arte, filosofia, romanticismo ed eros. Mentre gli altri mondi avanzavano a fatica, presi dai combattimenti, i deltani si svilupparono lentamente, piacevolmente, nel calore della loro intimità. Erano così impreparati alla realtà delle altre culture, e così ignari del drammatico impatto che la loro cultura avrebbe potuto avere su forme di vita in grado di provare sentimenti ma che non li conoscevano, che nel ventesimo secolo i deltani quasi si auto-distrussero, provocando comunque notevoli turbamenti nel prossimo, a causa della loro ingenuità. In corrispondenza dell´anno terrestre 1896 il primo vascello deltano a curvatura entrò in contatto con i GHANOD, le forme di vita senzienti più vicine a Delta IV. Umanoidi, intelligenti e di culturaavanzata, sembravano essere ottimi candidati a diventare amici dei deltani e i ghanod accettarono. Le relazioni commerciali iniziarono quasi subito, le due specie erano mutuamente affascinate l’una dall’altra. Ma non era un’amicizia destinata a durare. I deltani si relazionarono ai ghanod com’erano abituati a fare tra di loro: con la sessualità come componente principale nelle comunicazioni adulte. I ghanod, non preparati per l’esperienza intensa e sconvolgente di sostenere una “conversazione” sessuale con i deltani, persero la testa, ossessionati com’erano dalle fantasie erotiche sui deltani. Cominciarono a venerare i nuovi amici come dei, provocando gravi scismi all’interno della loro religione, fortemente conservatrice. Secoli di repressione dei ghanod esplosero nel sangue e un intero pianeta diventò pazzo in preda alla lussuria e all’adorazione, ma i deltani furono partecipanti involontari. I deltani si ritrovarono, all’improvviso nell’ordine: adorati, divinizzati e rapiti con la forza. Presi da una rabbia crescente e finora nascosta, i ghanod cominciarono a sfogarsi, combattendo tra di loro e battendosi anche contro i coloni deltani scarsamente armati, che furono costretti a fuggire nelle zone disabitate e a nascondersi dai ghanod che davano loro la caccia. Lasciando centinaia di compagni dietro di loro, destinati a passare la vita nascondendosi dalla follia ghanod, i deltani non ebbero altra scelta se non quella di ritirarsi e tornare sul loro pianeta. Senza la disponibilità di dispositivi a curvatura (i ghanod non erano ancora in grado di viaggiare nello spazio) i loro adoratori non poterono seguirli. La maggior parte dei deltani piansero orripilati e sconcertati delle conseguenze dei loro primi contatti con altre culture, e si vietarono tutti i futuri contatti alieni. La specie soffrì di una depressione globale, alcuni culti pro-celibato nacquero ma sfociarono in suicidi di massa, sommergendo le bianche spiagge di Delta IV con la morte. La Federazione ottenne i suoi primi contatti con Delta IV nel 2262, quando i deltani avevano ormai superato il vecchio trauma di contatti coi ghanod, ed erano ritornati ad avere una certa, cauta, curiosità verso gli altri mondi. Con molta più attenzione di una volta, i deltani accettarono di porre fine al loro esilio autoimposto... E di stringere le mani.


CULTURA
I deltani esaltano prima di tutto l’eleganza nella comunicazione. Sono uno dei pochissimi popoli in grado di utilizzare, oltre alla comunicazione orale e scritta, una sorta di comunicazione chimica. A queste due forme di comunicazione uniscono una gestualità armoniosa, fatta di movimenti lenti ma decisi. In sintesi il fascino che normalmente le altre razze subiscono nel relazionarsi con un rappresentante di questa razza, è dovuto alla loro capacità di combinare tutti questi mezzi di comunicazione, per ottenere un coinvolgimento completo dell´ascoltatore. Inoltre è inutile nascondere che la cultura del popolo di Delta IV, così aperta e votata alla sessualità, è spesso molto attraente per razze meno abituate a svelare la propria intimità. La lunga lotta contro i pericoli del mondo naturale che li circonda apporta alla cultura la giusta tensione che serve a fornire all’arte deltana la giusta passione e la giusta rabbia. I deltani non evitano la guerra perché sono perfettamente pacifisti, bensì perché vivono in un pianeta che fornisce loro ogni cosa di cui hanno bisogno in abbondanza e contemporaneamente li sottopone a pericoli mortali e costanti. La domanda non ha mai superato l’offerta e lo spazio non è mai venuto a mancare, spesso a spese di intere città che sono state spazzate via dagli uragani. “L’amabile irrequietezza” di Delta IV (come scrisse il poeta del 22esimo secolo Bondar) forgiò persone capaci di fare i lavori più duri per sopravvivere ai disastri naturali, che cercano la bellezza, la pace e il piacere in ogni modo a loro congeniale. Gli stessi cataclismi hanno fatto in modo che Delta IV desse i natali a molti grandissimi architetti, creando una scuola di architettura che all´armoniosità delle forme dei palazzi unisse una forza e una resistenza delle strutture in grado di sopportare terremoti e venti fortissimi. Per quanto riguarda la letteratura, il teatro e le arti figurative, esse includono la sessualità come tema principale, dal momento che i deltani considerano il sesso come una parte normale di qualsiasi relazione adulta amichevole. Sarebbe però sbagliato dire che essi sono ossessionati dall’erotismo, nello stesso modo in cui lo sono altre specie. L’enfasi che i deltani hanno verso il sesso è proporzionale alle loro necessità fisiche. Le femmine deltane non possono rimanere incinta con un solo rapporto sessuale, ma hanno bisogno di avere molte decine di rapporti con lo stesso partner nel corso di molti anni. Il risultato è che, se sommiamo la cosa all’alto potenziale di pericoli che presenta il pianeta, la crescita della popolazione è stata ridicolissimamente bassa nel corso dei millenni. Solo negli ultimi secoli la tecnologia ha permesso una crescita esponenziale della popolazione deltana. Fortunatamente, quei deltani che non sono stati bruciati, morti, affogati o avvelenati dai pericoli mortali di Delta IV, possono vivere a lungo e i bambini nascono sempre in coppie stabili, che si amano tanto e con una lunga storia alle spalle, siccome raramente dai matrimoni brevi nascono figli. Questo sicuramente contribuisce alla natura placida e tranquilla della cultura deltana. La loro voglia di arricchire la Federazione con le loro doti più sviluppate viene annebbiata da un’attenzione quasi fobica. Siccome condividono lo spazio navigabile, i deltani prendono ogni precauzione e gli ufficiali delle navi deltane sono costretti a firmare un documento secondo il quale promettono di mantenere il celibato quando sono a bordo di navi spaziali.


ANATOMIA
I deltani si inseriscono perfettamente nel quadro umanoide: sono infatti molto simili agli umani, fatta salva per la presenza, in particolari zone del corpo (come, ad esempio, polpastrelli, pube e altre zone sensibili), di ghiandole in grado di secernere ormoni che stimolano il rapporto sessuale o, come già detto, leniscono il dolore. Non hanno mai capelli, nonostante abbiano una normale peluria (sopracciglia, ciglia) sul resto del viso. Difficilmente hanno peli sulle gambe.


SUCCESSI RAGGIUNTI
Molte squadre di ingegneri miste di deltani e tellariti hanno velocemente evoluto i metodi di ingegneria civile, soprattutto quei metodi direttamente applicabili alla pianificazione di piani urbanistici per città marittime resistenti agli uragani.


PERSONAGGI FAMOSI
ELEN OGUNA (2010-2039). Un´eroica colona deltana che ha salvato centinaia di compagni disarmati, durante i famosi scontri contro i ghanod.
RALIXA (n.d.). Antica musicista deltana, inventrice dell´Oladill, uno strumento musicale composto da una tastiera arcuata che va a circondare per 180 gradi il musicista.

Revisione di Harper

Denobulani

DENOBULANI




I Denobulani sono una razza umanoide appartenente alla Federazione Unita dei Pianeti, originari di Denobula nel sistema di Denobula Triaxa.  Noti per la loro estrema pazienza e per le creste facciali che li caratterizzano, i Denobulani sono tra le prima razze incontrate dagli umani nella loro esplorazione della galassia. 

BIOLOGIA E FISIOLOGIA

I Denobulani sono caratterizzati da ampie creste facciali,che discendono dalla fronte sin giù lungo entrambe le guance, una cresta centrale e una fessura verticale al centro della fronte stessa; le creste proseguono sulla schiena, lungo la colonna vertebrale, probabilmente un residuo di una protezione atavica. Le unghie dei piedi, marrone scuro, crescono a una velocità sorprendente e devono essere tagliate con attenzione almeno una volta alla settimana.

Un’altra peculiarità dei Denobulani è la lingua estremamente lunga, in grado di uscire dalla bocca per diversi centimetri, che viene curata periodicamente con appositi raschietti.

Mentre i maschi sono caratterizzati da folti peli sul torace, le femmine emettono un feromone decisamente potente, che attira i possibili compagni: l´emissione è generalmente attivata quando una femmina è interessata ad un maschio, oppure nella stagione degli amori. E´ anche noto che i maschi denobulani possono diventare violenti durante questo periodo, tanto che alcune unioni richiedono la supervisione medica.

Anatomicamente, i maschi denobulani sono compatibili anche con le femmine vulcaniane.

Un’ulteriore caratteristica dei denobulani è la loro capacità di ingrandire la faccia, probabile residuo di un sistema di difesa mirato a spaventare i rivali o gli avversari, simile a quello del pesce palla terrestre; la loro struttura facciale porta, pertanto, a un sorriso particolarmente ampio, soprattutto se paragonato a quello delle altre razze umanoidi, mentre il colore dei loro occhi è strettamente legato al loro stato emotivo. 



I denobulani necessitano di poco riposo e dormono molto meno delle altre razze umanoidi; tuttavia, ogni anno entrano in letargo per alcuni giorni, in genere cinque o sei, preceduti da un periodo di confusione e incertezza. Sono inoltre dotati di un prodigioso sistema immunitario, sufficientemente robusto da contrastare anche le nanotecnologie di assimilazione borg.

La vita media di un denobulano è estremamente lunga, sebbene un anziano denobulano non sembri necessariamente particolarmente vecchio.

La neurofisiologia denobulana è più resistente di quella umana, ma meno di quella vulcaniana. Infatti, una
dissezione  lungo la neocorteccia per idenobulani risulterebbe probabilmente letale, anche se un vulcaniano potrebbe sopravvivere, reso semplicemente incosciente. Inoltre, è considerato buon segno di lucidità mentale avere allucinazioni di vario tipo, poiché aiutano a scaricare le energie mentali.

La fisiologia denobulana è incompatibile con l’utilizzo dei Wisp. Indipendentemente dall’ entità, nessuna
procedura ha mai mostrato effetti permanenti . I denobulani possono esseresottoposti all’effetto di droghe e resi incoscienti da gas anestetici, inoltre una neurotossina, iniettata in vena, può terminare le funzioni sinaptiche di un
denobulano in pochi secondi. Risultano inoltre particolarmente sensibili a determinati tipi di radiazione, che li rendono irrazionali ed ossessivi.

I denobulani possono resistere a lungo alla mancanza di cibo, ma cibarsi non solo coadiuva la loro forza,
accelera anche lo loro metabolismo cellulare.
Per un denobulano è possibileperdere peso corporeo ingerendo una tenia Danaxian.

CULTURA

I Denobulani hanno una struttura sociale fortementeinfluenzata dalla loro poligamia; i singoli denobulani si uniscono con sino a sei partner, per quanto la norma sia tre, formando famiglie allargate estremamente complesse e ricche di membri, sino anche a un migliaio di individui. Pertanto le relazioni sentimentali sono estremamente libere ed
intrecciate. Infatti i denobulani preferiscono i gruppi ampi, nei quali si trovano a loro agio, e detestano l’idea di restare da soli, una condizione che trovano decisamente scomoda e antipatica. Tuttavia, soprattutto i maschi, preferiscono limitare il contatto fisico, soprattutto con le persone con le quali non sono in stretta intimità.

Le ninna nanna denobulani sono considerate alla stregua di vere opere d’arte, anche se non tutti i denobulani sono ugualmente abili nell’interpretarle.

I denobulani sono una razza tendenzialmente xenofoba, ma capace di limitare ed escludere questa tendenza con raziocinio: negli anni seguenti all’ingresso nella Federazione questo aspetto della loro cultura è stato lentamente smorzato, anche grazie ai fitti scambi ed intrecci che si sono intessuti con le altre razze, sino a sparire senza lasciare tracce importanti nella popolazione moderna.

Secoli addietro i denobulani possedevano divertimenti e passatempi legati a scene visive come la televisione terrestre, ma accantonarono queste attività comprendendo che la realtà sarebbe stata più interessante.

STORIA

Nonostante siano estremamente curiosi del mondo che licirconda, per secoli i denobulani hanno creduto di essere la sola razza senziente nell’universo, sino al primo contatto con i B´Saari: a lungo hanno combattuto contro gli antariani e l’ultima guerra risale al 17° secolo terrestre, dopo il genocidio di milioni di antariani, demonizzati come un nemico senza volto e senza cuore dalla propaganda interna. Secoli dopo permanevano ancora cellule di odio, ma la maggior parte dei denobulani e degli antariani era ora troppo matura perché questo potesse attecchire.

Attualmente vivono in pace sotto il vessillo della Federazione, uniti dagli ideali comuni a tutti gli altri popoli che vi appartengono.
 
Circa nella prima metà del XX Secolo iniziano ad utilizzare l'ingegneria genetica, conseguendo da quel momento risultati generalmente positivi. I Denobulani, tuttavia, non hanno mai considerato l’utilizzo dell’ingegneria genetica a scopi distruttivi.  

Nel 2115 o poco dopo, un'emergenza medica si verificò in orbita attorno Denobula, quando ci fu un'esplosione a bordo di una nave da carico. Vari gruppi di medici contribuirono a far fronte alle conseguenze,ci furono più di diciassette vittime.

Inoltre, durante l'inizio del XXII secolo, la fanteria denobulana fu distrutta in almeno un conflitto. 

I Denobulani ebbero un contatto con gli esseri umani nel 2130 e da quel momento cooperarono con la IME (Interspecies Medical Exchange)e operarono congiuntamente con la Cold Station 12, anche se mantennero un loro proprio database medico almeno fino al 2154.

 Nel 2151, il denobulano Phlox ,medico e membro IME , che aveva fino ad allora stanziato a San Francisco ,sulla Terra, fu assegnato come Chief Medical Officer alla prima nave stellare a curvatura 5: l’ Enterprise NX-01. Nel 2153 non vi erano Denobulani nella città di Atlanta. A partire dal novembre 2154, un ambasciatore denobulano fu assegnato alla Terra. 

PIANETA: DENOBULA

Denobula è il secondo pianeta nel sistema di DenobulaTriaxa, che si trovanel settore di Vega, a circa 97 anni luce da Sol.

Pianeta di classe M, è il pianeta natale dei Denobulani, razza umanoide appartenente alla federazione Unita dei Pianeti.

La superficie del pianeta è caratterizzata dalla presenza di un unico grande continente, che conteneva una popolazione superiore ai 12 miliardi di abitanti già all’ingresso nella Federazione.
La presenza di cicli stagionali di accoppiamento e di letargo della sua popolazione è dovuta alla forte inclinazione angolare del pianeta rispetto al piano dell’orbita. Il pianeta, inoltre, è moderatamente soggetto ad assestamenti sismici, moderati dagli studi e dalla tecnologia dell’Accademia Denobulana delle Scienze.
 
DATI ASTRONOMICI

POSIZIONE:  
Settore Vega, sistema doppio (Asellus Secundus)- (Settore 009, Iota Bootis A, sistema ) Denobula Triaxa system

PIANETI:
1. Denobula
2. Denobula Triaxa II
 
LUNE:
1. Denobula Triaxa IIa
2. Denobula Triaxa IIb

Revisione e aggiornamento di Riley

Andoriani

All'interno del gioco troverai la guida completa

ANDORIANI



GENERALITA’
Gli Andoriani sono una razza molto intelligente, sono pensatori freddi e possono risultare estremamente razionali, possiedono un forte senso del dovere e sono molto disciplinati.
Al contempo, tuttavia, sono un popolo che vive con trasporto le proprie emozioni. Questa loro intensa e pronunciata passionalità ha favorito la diffusione all’interno della Federazione Unita dei Pianeti del preconcetto secondo cui gli Andoriani sono esseri irascibili che perdono facilmente il controllo. 

Gli Andoriani inoltre hanno un’indole guerriera ed aggressiva, retaggio del passato. Ma, con l’evoluzione della propria civiltà, hanno imparato come controllare questo lato della loro natura indirizzando il proprio spirito combattivo verso fini più produttivi. Tuttavia, quando impegnati in combattimento, questa loro caratteristica li rende avversari valorosi, implacabili e feroci.

Sono degli stacanovisti e si sentono a disagio quando li si coinvolge in attività puramente ricreative, che non amano in particolar modo. Infatti generalmente gli unici sport che praticano sono le arti marziali. Nonostante ciò vedono l’arte come una componente importante della loro cultura e tengono in gran conto gli artisti. 

Gli Andoriani sono un popolo pragmatico che non è mai stato religioso, né particolarmente spirituale. L´unica cosa che potrebbe assumere quasi le connotazioni di un culto è il profondo rispetto che gli Andoriani hanno per i propri antenati e per i personaggi storici di spicco della propria società. Difatti si dice che "GLI ANDORIANI NON HANNO DEI, MA SOLO EROI". 

LA SOCIETA’
Nella società andoriana uomini e donne non hanno mai avuto tradizionalmente alcuna differenza in merito alla loro posizione sociale. 
La famiglia
L’unità fondamentale della società è la famiglia. Essa riveste un ruolo di primaria importanza e fonda le radici della propria centralità nel passato, agli albori della civiltà andoriana. Infatti la necessità di sopravvivere in un ambiente dalle avverse condizioni climatiche ha spinto gli Andoriani a sviluppare un forte senso della comunità e conseguentemente della famiglia.

Anticamente assai esteso, il nucleo della famiglia andoriana tradizionale è oggi composto mediamente da 7-10 individui: i 4 coniugi (2 maschi e 2 femmine), i figli e le figlie. 


I KETH
Le famiglie andoriane sono raggruppate in clan, i cui membri possono variare da un numero di pochi individui per i kethni appena formati a milioni di Andoriani per i kethni più antichi e prestigiosi. 
Esistono migliaia di clan di medie e piccole dimensioni, mentre i maggiori e più influenti sono 312. 
Una famiglia Andoriana, al momento del matrimonio, decide a quale keth appartenere, se unirsi ad uno dei kethni esistenti o se fondarne uno nuovo.

I componenti di un keth generalmente condividono ideali, stili di vita e attitudini, questo fa sì che spesso ogni keth abbia un’attività in cui la maggior parte dei suoi membri è specializzata. Ad esempio i Borth, un piccolo clan, famosi per essere degli straordinari avvocati, conosciuti per tutta la Federazione, o i Voor, un grande clan, i cui membri sono geniali progettisti e costruttori di navi stellari, o i Thyupo, specializzati nell’agricoltura.

I KETH e le loro descrizioni sono in parte tratte da documentazione non canon (libri, novelle, ecc.), ma visto che sono stati giocati per 10 anni ne abbiamo mantenuto una minima parte.

GLI AENAR



Andoria risulta essere abitato da due specie senzienti: gli Andoriani e gli Aenar. Questi ultimi, presenti in numero di poche migliaia di individui, sono per la maggior parte raggruppati in piccole comunità isolate localizzate nelle regioni nordiche di Andoria.
Fino a quasi tre secoli fa, la loro esistenza era ritenuta un mito, i loro insediamenti infatti sono protetti da un campo distorsivo che ne impedisce la rilevazione, nonché le comunicazioni da e verso l'esterno.
Vennero trovati nel 2104 e da allora esiste una pressoché pacifica convivenza sul pianeta.
Gli Aenar sono esteticamente simili agli Andoriani, tranne per  la cute di colore chiaro, simile a quella albina per gli umani.
Sono geneticamente ciechi, ma compensano egregiamente con gli altri sensi che permettono loro di muovendosi con disinvoltura.
Sono pacifisti e non usano mai la violenza. Hanno inoltre una spiccata capacità telepatica che, proprio per il notevole sviluppo del senso del rispetto verso il prossimo, usano con e su gli altri solo se questi ultimi sono esplicitamente consenzienti.
Nonostante abbiamo l'uso della parola, possono usare la telepatia per comunicare tra loro.



Gli Andoriani e gli Aenar sono geneticamente compatibili. La loro prole ha un colorito tendente al verde chiaro e, al contrario degli aenar, posseggono il senso della vista.

TRADIZIONI
USHAAN
E' il tradizionale combattimento all'ultimo sangue che, generalmente, nella cultura andoriana, viene usato quale mezzo per una vendetta personale.
Il combattimento richiede l'utilizzo dell' Ushaan-Tor.



L'Ushann-Tor è uno strumento di lavoro utilizzato sin da bambini da tutti gli Andoriani. Nella vita di tutti i  giorni è utilizzato dai minatori per rompere lastre ghiacciate, ma in caso di necessità può essere utilizzato come un'arma personale.
I duellanti portano, sull'avambraccio del braccio libero, uno speciale protezione di metallo per mezzo della quale sono legati al proprio avversario.

L'Ushaan è regolato da un codice d'onore che prevede più di 12.000 emendamenti, tra questi è presente il diritto di sostituzione con il quale uno degli avversari può chiedere di essere sostituito da altra persona di sua scelta (essendo all'ultimo sangue deve essere, ovviamente, un volontario).
E' possibile rimandare il rito se uno dei duellanti sia sposato e non abbia ancora procreato.
Il duello termina con la morte di uno dei duellanti o quando uno dei due viene reso inerme (nel caso degli Andoriani basta il taglio di una delle antenne).

MORTE DI UN ANDORIANO 
Se un Andoriano muore lontano dal pianeta madre, parte del suo sangue viene preso per essere versato sui ghiacci di Andoria.

Cibi e Bevande
  • Birra andoriana - E' una bevanda fortemente alcolica di colore azzurro.
  • Fast food andoriano - Ristoranti fast food andoriani
  • Redbat andoriano - Mammifero alato considerato commestibile
  • Bollitore andoriano - strumento da cucina andoriano che può arrivare a 500 gradi kelvin (circa 226 gradi celsius)
  • Zuppa di cavolo andoriano

Prodotti culturali 
  • Blues andoriano 
  • Gioielleria andoriana - sono gioielli considerati oggetto da collezione
  • Seta andoriana

Orioniani

Guida tratta dal vecchio CDB di Genesis e adattata alla nuova ambientazione.

ORIONIANI



FISIOLOGIA E SOCIETA´

Gli Orioniani sono caratteristicamente conosciuti per la colorazione verde della loro pelle.
I maschi Orioniani tipicamente sono calvi ed in media sono più alti e più muscolosi di un Umano medio.
Le donne Orioniane hanno una natura molto istintiva, quasi animalesca, conosciute per i loro estremi appetiti e le loro doti innate. Il maschio Umano raramente è in grado di resistere la seduttiva danza delle Schiave di Orione.

Nella società orioniana, gli uomini sono schiavi delle donne, ma, per ingannare le altre specie, hanno sviluppato l´abitudine di mascherare tale uso per lasciar credere che siano le donne ad essere schiave. Questa strategia viene utilizzata per poter vendere le donne orioniane sul mercato degli schiavi.

Una volta venduta ad un uomo, la schiava orioniana, usa la sua peculiare fisiologia per trarne vantaggio: i suoi potenti ferormoni accelerano il metabolismo dei maschi di diverse specie, aumentando pericolosamente i livelli di adrenalina causando prima comportamenti aggressivi ed infine ossessivi permettendo alla donna orioniana di rendere il maschio suscettibile a suggestioni.
Non serve molto tempo perchè il "padrone" uomo inizi a prendere ordini dalla sua "schiava".

Le donne umane reagiscono negativamente a questi ferormoni sperimentando cefalee e gli uomini Denobulani subiscono un´interruzione del ciclo sonno-veglia.
I Vulcaniani sono immuni agli effetti di questi ferormoni.
Gli effetti dei ferormoni sono cumulativi, più se ne viene esposti e più le conseguenze sono marcate.
Nel 2155, il Dottor Phlox, in servizio a bordo della nave stellare terrestre Enterprise NX-01 teorizzò che l´azione di queste sostanze agisca come un meccanismo di difesa competitivo.

STORIA

Scrittura Orioniana.

Il pianeta Orione una volta aveva una civiltà altamente avanzata la cui storia ha attratto ed interessato molti storici ed archeologi Federali.
Durante il medio 23° Secolo, il noto archeologo Federale Roger Korby, tradusse i registri medici dalle rovine Orioniane. Tale traduzione aiutò a rivoluzionare le moderne tecniche di immunizzazione e la loro lettura divenne un requisito necessario all´Accademia della Flotta Stellare.


ENTITA´ COMMERCIALI
A dispetto della ricca storia culturale di Orione ed al di fuori della loro "ufficiale" dichiarazione di neutralità, esiste un lato oscuro nella cultura Orioniana che si manifesta con traffici di schiavi, sia di altre specie che di donne Orioniane.

Durante il 22° e 23° Secolo, il pianeta Verex III era un centro di traffico di schiavi molto ben conosciuto.<br><br>L´entità primaria operante all´interno di questi confini è nota come Sindacato di Orione, composto da una conglomerazione di commercianti, pirati e contrabbandieri.

Questi individui in genere sono molto ben conosciuti per le loro attività illegali anche al di là dei confini del commercio di schiavi. Per citare solo alcuni esempi, queste attività comprendono: estorsioni, furti, incursioni a scopo di rapina, rapimenti ed omicidi dietro pagamento.

Una seconda entità operante all´interno del regno Orioniano è conosciuta con il nome di Liberi Commercianti di Orione
Il territorio Orioniano è situato adiacentemente sia al territorio Federale che al territorio dell´Impero Klingon. La regione di spazio che separa il Sindacato di Orione dall´Impero Klingon è conosciuta come Terra di Confine.
Durante il 22° secolo questa instabile regione di spazio ha attratto i più pericolosi elementi provenienti da entrambe le parti.


CONTATTO CON GLI UMANI
Il primo contatto Orioniano conosciuto con gli Umani fu stabilito da Arik Soong nel 2130. Soong instaurò un rapporto con il Sindacato di Orione per poter acquisire alcune merci che lui ed i suoi Augments necessitavano per sopravvivere.
Durante il 2150, gli Orioniani condussero commercio attivo con la ECS (Earth Cargo Service).
Nel 2154, la nave stellare terrestre Enterprise NX-01 prese involontariamente contatto con pirati Orioniani durante un incontro con numerosi intercettori Orioniani che rapirono 9 dei membri dell´equipaggio dell´Enterprise che furono, fortunatamente, recuperati dalla stazione mineraria di Vertex III.
La pratica Orioniana di rapire persone continua tutt´ora nel 23° Secolo.

Nonostante Orione non faccia parte della Federazione, gli orioniani, dopo aver superato gli appositi esami di ammissione, possono entrare a far parte della Flotta Stellare diplomandosi con gli stessi diritti e doveri dei suoi membri.


IL SINDACATO DI ORIONE

Il Sindacato di Orione è un´organizzazione criminale creata dagli Orioniani.
Nel 22° Secolo il Sindacato aveva già assunto i poteri di governo del popolo Orioniano.
Nel 24° Secolo è ormai diventato un cartello criminale organizzato, l´equivalente di una mafia interstellare.
Le sue attività principali includono: contrabbando, pirateria, traffico di schiavi ed assassinii su commissione.
Durante il 22° Secolo il Sindacato controllava lo spazio al confine con l´Impero Klingon e vicino alla Macchia di Rovi e pattugliava assiduamente lo spazio conosciuto come Terra di Confine spesso rapendo membri di equipaggi di navi stellari di passaggio da vendere sul mercato di schiavi.
I membri del Sindacato comprendono molte specie diverse tra le quali anche Umani, Boliani, Ferengi mantenendo quindi la loro influenza sia su mondi indipendenti che all´interno di mondi federali. Affiliati del Sindcato di Orione sono stati scoperti sia sulla Terra che addirittura all´interno della stessa Flotta Stellare.
Quando un membro del Sindacato viene ucciso, il Sindacato stesso si prende cura dei famigliari del suo affiliato.

Vulcaniani

All'interno del gioco troverai la guida completa

VULCANIANI


CULTURA E STORIA

Il Primo Contatto dei terrestri con i moderni e pacifici Vulcan coincide con la scoperta del motore a Curvatura da parte di Zefram Cochrane ed il primo volo a curvatura della Phoenix, il razzo nucleare modificato da Cochrane per volare a velocità Warp. Siamo nel 2063, il 5 aprile. Il popolo della Terra fu molto fortunato ad entrare in contatto con una società pacifica e pronta alla cooperazione come erano i Vulcan.

La Società
I Vulcan sono pacifisti, condizione dettata in grande parte dalle loro "tendenze" logiche.Il governo Vulcan tende verso una politica di non interferenza. Per essere una razza profondamente logica, i Vulcan hanno un forte senso spirituale. Esiste una sorta di religione di stato, basata sul katra, l’anima e la coscienza della persona, che può essere trasferita psichicamente prima della morte. Il Leader spirituale, unico per tutto il pianeta, è un unico sacerdote di alto rango.

Aiutati da secoli di filosofia e tecniche meditative, i Vulcan hanno sviluppato capacità telepatiche; e appena possono, gli appartenenti a questa razza, cercano di allenarsi per amplificare queste attitudini con duri training basati sulla concentrazione e sulla meditazione. Esistono diverse istituzioni, chiamate Sohk-Paks o "scuole delle menti", dove vengono insegnate ed applicate queste tecniche. Alcuni vulcaniani, applicando queste tecniche di concentrazione, sono in grado di controllare il flusso del proprio sangue e del livello degli anticorpi, per indirizzarli verso organi feriti; inoltre, grazie a tecniche di autoipnosi, sono capaci di accelerale i tempi di rigenerazione e di guarigione.
Quando i bambini Vulcan compiono 7 anni, i loro genitori scelgono per loro il futuro compagno o compagna, e vengono poi fatti legare telepaticamente durante una cerimonia. Quando i due raggiungeranno l’età giusta (ossia il primo Pon Farr), si sottoporranno ai rituali del matrimonio che cementeranno la loro relazione. 

L’essenza della loro società e cultura è volta a ricercare la verità attraverso la pura logica. Le emozioni sono illogiche, rendono gli individui impuri ed impediscono di arrivare alla purezza. Ovunque essi siano, i Vulcan nascono animati dalle stesse violente emozioni ancestrali, ma il continuo allenamento delle loro menti li rende i tipici impassibili individui adulti. Anche se non tutti gli individui potranno arrivare allo stato di pura logica, questi processi di controllo assoluto sono gli ideali fondamentali della loro società. I Vulcan credono che l’unica difesa contro un pericolo sconosciuto sia l’intelletto e la logica, e grazie a questo loro approccio, sono alcuni dei più stimati membri della Federazione. La loro voglia di conoscere e l’impassibilità delle loro emozioni, sono le caratteristiche fondamentali di questa razza.Come la maggior parte delle popolazioni federali, anche i Vulcaniani hanno un passato di violenza superato grazie all’opera di quello che oggi è ricordato come il più grande esponente storico della loro società: Surak, il padre della logica.
Nell’anno terrestre 2063, i Vulcaniani erano ormai padroni dei motori a curvatura ed avevano iniziato a mappare i mondi circostanti il loro con lunghe missioni scientifiche. Il 5 Aprile, una nave analizzò tracce di velocità warp provenienti dal terzo pianeta del sistema Sol e decisero che fosse giunto il momento per effettuare il primo contatto con quegli umani che avevano dimostrato di conoscere la tecnologia della curvatura.
Questo incontro ha avuto conseguenze molto profonde sull’intero quadrante sebbene i vulcan, sostenendo che gli umani non erano ancora pronti, rallentarono per un secolo lo sviluppo tecnologico della Terra, ritenendo gli umani non ancora maturi per i viaggi esplorativi spaziali.


Eventi recenti
Nel 2258 il pianeta madre, che ospitava una popolazione disei miliardi, fu attaccato da un Romulano di nome Nero - non tutti i pg i on sanno che venne dal futuro - che con la sua nave mineraria, la Narada, iniziò a perforare lo crosta del pianeta.
 
Una richiesta di soccorso attirò un contingente di diecinavi stellari della Federazione, ma tutte eccetto l'USS Enterprise vennero distrutte dalla Narada.
 
La sonda mineraria venne temporaneamente disattivata, nonprima però che il flusso energetico perforasse completamente la superficie fino a raggiungere il nucleo.
Una bomba contenente una goccia di materia rossa - materiaparticolarmente esplosiva creata dai Vulcan nel futuro - fu quindi inviata nel foro, che detonando creò una singolarità nel cuore del pianeta, assorbendolo completamente.
Nei pochi minuti rimasti, la popolazione del pianeta tentòdi evacuare, con il recupero da parte del facente funzione di capitano dell'Enterprise Spock, di diversi membri del Consiglio di Vulcano prima che il pianeta implodesse.
Il numero dei superstiti del pianeta furono stimati in menodi diecimila persone; il numero totale di Vulcaniani rimanenti, inclusi quelli non presenti in quel momento, era incerto, ma abbastanza scarso tale da considerare la specie a "rischio di estinzione".
 
Tratto e in parte rielaborato, da Memory Alpha
 

CARATTERISTICHE FISICHE
CLASSE: Mammalia
ORDINE: Primati
RAZZA: Vulcaniana

ALTEZZA MEDIA: 180/200 cm
PESO MEDIO: 70/90 kg
ASPETTATIVA DI VITA MEDIA: 210 anni

CUTE: Oltre a svolgere la funzione di barriera protettiva contro traumi fisici, sostanze chimiche nocive, ingresso di virus, batteri ed altri microrganismi pericolosi per la salute essa permette anche la dispersione del calore corporeo senza la conseguente dispersione di liquidi grazie alla presenza di cellule specializzate denominate CELLULEHYALOTERMICHE. Queste,infatti, fanno in modo di mantenere una "riserva" di liquidi che permette di rallentare la disidratazione quando il corpo non può rifornirsi. La colorazione della cute può presentarsi sia chiara che più scura, così come per quella dei peli.
Le ghiandole sudoripare sono presenti in misura minore rispetto alla media umanoide standard permettendo una dispersione di liquidi molto inferiore.

APPARATO DELL´UDITO: Il padiglione auricolare si presenta con una forma appuntita verso l´altro rispetto alla media delle specie umanoidi. Questa peculiarità permette di percepire meglio i suoi anche in ambienti in cui l´aria si presenta secca e rarefatta come quella di Vulcano.

APPARATO DELLA VISTA: L´apparato protettore dell´occhio consta di una palpebra interna semi-trasparente che
funge da filtro per le radiazioni pericolose, il calore e la polvere, elementi presenti sul mondo di origine. Ed una palpebra esterna, comune a molte specie umanoidi.
La capacità visiva si mantiene nella media delle specie umanoidi, tuttavia la banda delle radiazioni visibile è leggermente spostata verso l´infrarosso permettendo così una visione notturna migliore.

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO: Le dimensioni del cuore risultano di poco superiorialla media umanoide con le pareti muscolari più sottili ma anche più flessibili; effettua, in media, 242 battiti al minuto con una pressione
sanguigna media di 140/200.
Questo è dovuto a due fattori:
la locazione  dell´organo all´interno del corpo, si trova infatti localizzato nella metà superiore destra dell’addome; e la gravità presente su Vulcano che risulta maggiore rispetti ad altri pianeti di classe M.

SANGUE: A base rame, di cui ha due atomi; di colore verde.

APPARATO MUSCOLO-SCHELETRICO: Presenta una conformazione nella media delle razze umanoidi, con una densità maggiore delle strutture ossee in risposta al fattore di gravità planetario superiore a 1 g. Caratteristica è la forma dell´arcata sopracciliare che nella parte laterale-esterna risale verso l´alto.

APPARATO RESPIRATORIO: I polmoni presentano un volume maggiore rispetto ad altre specie inoltre gli alveoli hanno una maggiore elasticità per permettere di immagazzinare più ossigeno.

APPARATO DIGESTIVO E UROPOIETICO: Il metabolismo vulcaniano e la capacità diadattamento dell´apparato digestivo ai cibi alieni risulta superiore rispetto alla media.
L´apparato uropoietico presenta una maggiore capacità riassorbente dell´acqua ed altri soluti che vengono filtrati dai reni nell´urina ma che sono utili all´organismo diminuendo così la perdita di liquidi.

SISTEMA NERVOSO CENTRALE: Il cervello, di dimensioni conformi alla media umanoide, si distingue perla complessa organizzazione delle sinapsi che rende tale sistema in parte ancora un mistero per la medicina federale.

RIPRODUZIONE: Il processo di fecondazione per i vulcaniani non presenta differenze sostanziali con la media delle razze umanoidi. La gestazione dura dieci mesi.
Contrariamente a quanto possa essere il pensiero comune il ciclo di fertilità vulcaniano non è di sette anni bensì essi risultano avere un ciclo di fertilità perfettamente nella media delle razze umanoidi.
Il ciclo di fertilità viene infatti spesso confuso con il PON FARR che è in realtà una condizione fisiologica dovuta ad una serie di prescrizioni culturali.
La soppressione delle emozioni nei vulcan di sesso maschile porta a un accumulo di ormoni, come la dopamina, che innesca i sintomi del PON FARR. Durante questo periodo il soggetto vulcaniano trova sempre più difficile controllare e sopprimere le proprie emozioni arrivando anche, nei casi estremi, a perderne del tutto il controllo.
Fisiologicamente si è affetti da un grave squilibrio degli ormoni e dei neurotrasmettitori che se non curato può arrivare a causare anche il decesso del soggetto affetto.
La cura più rapida per il PON FARR si traduce nell´accoppiamento conla propria promessa sposa. Solitamente, infatti, i matrimoni vengono combinati sin da adolescenti e suggellati da una fusione vulcaniana che serve a
sincronizzare il ciclo di fertilità dei due promessi sposi in modo da favorire la procreazione durante i periodi di PON FARR.

COMPATIBILITÀ GENETICA: I vulcaniani sono compatibili a livello genetico con i romulani, con cuihanno antenati comuni. Sono possibili ibridi con altre specie, come quella
umana o trill, grazie a interventi genetici pre-natali.

ABILITÀ ESP:
Questa specie possiede capacità extrasensoriali quali la comunicazione telepatica, l´accesso ai ricordi, l´attacco psichico e la fusione mentale che rappresenta un suo tratto peculiare. Tuttavia non tutti gli individui entrano in possesso di queste facoltà e per alcune di esse è necessario molto auto-controllo e addestramento.

La COMUNICAZIONE TELEPATICA e l´ATTACCO PSICHICO possono avvenire solo con un soggetto a breve distanza e della cui posizione il vulcan deve essere a conoscenza, preferibilmente tramite contatto visivo.
L´ACCESSO AI RICORDI avviene tramite la FUSIONE MENTALE che è possibile praticare solo tramite il contatto fisico col soggetto. È importante che il vulcaniano che effettua questa pratica sia addestrato poiché un errore potrebbe causare seri danni cerebrali.